Punti di forza e punti deboli dei sistemi di scommessa più usati.

Sistemi di gioco

I sistemi di gioco più usati e quelli più efficaci.

Quasi tutti scommettono ogni tanto e in modo casuale, c’è però un sistema con cui guadagnare.

Cos’è un sistema di gioco o di scommesse.

Un sistema di gioco o strategia di gioco è un approccio strutturato e organizzato alle scommesse sportive e al gioco d’azzardo in generale, con l’intento di produrre un guadagno. I primi sistemi di gioco furono formulati in Francia nel XVIII secolo nel gioco della roulette e dei dadi: non a caso furono proprio francesi e italiani i primi matematici a studiare la probabilità. Ogni sistema di gioco, per essere vincente, deve superare il margine del banco o del bookmaker e generare un profitto.

I pilastri dei sistemi di gioco più efficaci.

Di seguito vedremo e analizzeremo i sistemi di gioco più conosciuti, ma non sempre i più adatti a guadagnare. Molti sistemi infatti sono incentrati sulla cifra da scommettere, senza considerare il bankroll del giocatore. Invece le strategie moderne da applicare alle scommesse sportive si fondano su basi ben precise:

  • un buon money management, ossia la gestione del denaro che intendo mettere in gioco;
  • sapere qual’è il proprio bankroll, cioè la massima somma che siamo disposti a perdere;
  • l’organizzazione: avere un piano sulle somme da scommettere e attenersi con disciplina;
  • un obiettivo da raggiungere, per esempio raddoppiare la cassa iniziale.

I sistemi di scommesse più conosciuti

I sistemi più famosi sono anche i più pericolosi, perché le cifre da scommettere possono incrementare molto velocemente, rischiando di rovinarci, cioè raggiungere il nostro bankroll. Descriveremo questi metodi per puntare e troveremo sia pregi che difetti: solo pochi soddisfano gli standard solidi appena detti.

  1. La martingala (o raddoppio) si applica in giochi con quota 2, ossia dove si raddoppia il capitale in caso di vittoria. La martingala prevede di raddoppiare la cifra puntata in caso di sconfitta nella scommessa precedente: scommettere 4 volte la somma iniziale dopo 2 insuccessi, 8 volte dopo 3 insuccessi e così via.
  2. La progressione Paroli, che non è altro che una martingala finita, cioè una serie di massimo tre puntate giocando al raddoppio. Di questo sistema ci sono tantissime versioni, noi vedremo quella pura e quella con copertura.
  3. Il metodo d’Alembert è anche lui incentrato su quote pari a due, per raddoppiare la cifra in caso di successo, variando in progressione la somma di denaro da scommettere. In questo caso anche incontrando una serie di sconfitte, le perdite saranno limitate.
  4. Il metodo Masaniello è un sistema di gioco a puntata variabile che si svolge su una serie limitata di eventi sportivi e considera sia la quota del bookmaker sia l’affidabilità dei tuoi pronostici, ossia quante schedine azzecchi mediamente su dieci eventi ad esempio.
  5. Il criterio di Kelly, che è un metodo, una formula per determinare la frazione di capitale da impiegare in una scommessa, tenendo conto del rischio. Questo sistema tiene conto del money management ed è utilizzato anche nel campo del trading e degli investimenti.

La trappola delle progressioni

Un sistema basato sulla progressione prevede di aumentare la cifra di denaro da scommettere a ogni insuccesso, cioè se ho perso la scommessa precedente. In questo modo però la posta in gioco cresce molto rapidamente, le perdite accumulate aumentano, ma non la cifra che mi aspetto di guadagnare. C’è pertanto il rischio concreto di raggiungere il mio limite massimo di puntata, cioè di esaurire tutta la mia cassa a disposizione, senza avere modo di recuperare. I difetti principali delle progressioni sono:

  • Non tengono conto del bankroll dello scommettitore
  • Hanno una bassa vincita attesa
  • Non considerano serie prolungate di insuccessi (è improbabile ma non impossibile!)

Quale metodo utilizzare allora?

Tra i metodi elencati, più indicati per scommettere in modo professionale, cioè gestendo il denaro e i rischi, sono il metodo Masaniello e il criterio di Kelly. Tuttavia esiste una terza via da percorrere: utilizzare il metodo Managebet: una versione semplificata del metodo Masaniello con puntata fissa integrata con un ottimo money management.