Come vengono calcolate le quote dai bookmaker.

Quote Bookmaker

Le quote delle scommesse: come le calcolano i bookmaker?

Perché le quote?

Le quote sugli esiti di una partita di calcio o di un qualsiasi evento sportivo non sono inventate o formulate “a occhio” dai bookmaker: vengono studiate e calcolate in modo scientifico. Partiamo dal principio che il bookmaker ci offre un servizio, e che quindi si fa pagare per questo. Se indovino l’esito di una partita, il bookmaker mi pagherà una cifra pari alla quota moltiplicata per la somma che ho scommesso. Il suo guadagno sul servizio che ci offre è il margine, ossia quando scommettiamo, ci verrà trattenuta una piccola parte della quota e quindi della nostra potenziale vincita.

Fammi un esempio concreto: lanciamo una moneta!

Prendiamo ad esempio un’ipotetico gioco testa o croce, dove la moneta non è truccata. A ogni lancio della monetina abbiamo come possibili esiti:

  1. Testa, con il 50% di probabilità;
  2. Croce, con il 50% di probabilità.

Pertanto mi aspetto che esca testa in media una volta su due. Attenzione però, questo non significa che non possa uscire croce per 10 volte di fila: è molto improbabile ma non impossibile! In una giocata di questo tipo, un banco senza margine pagherebbe la mia giocata 2:1 (“due a uno”), ossia per ogni euro giocato mi restituirebbe 2 € in caso di vittoria. Ad esempio, giocando 5 € sull’esito testa ho due possibilità al lancio della moneta:

  1. Esce testa e vinco 5×2 = 10 €, al netto dell’investimento iniziale di 5 €, ottengo 10 – 5 = +5 €
  2. Esce croce e non vinco nulla, ma avendo puntato 5 €, ho un saldo di 0 – 5 = -5 €

La cosa interessante è che la quota senza nessun guadagno da parte dell’allibratore, è semplicemente 100/probabilità, nel nostro caso 100/50 = 2.

Tutti ci puntano sopra, ma da dove saltano fuori ‘ste quote?

Introduciamo ora però il margine del banco: per prendere le puntate su testa o croce, decido di trattenere il 5%. Si definisce la lavagna (o allibramento) come il totale delle probabilità (100) più il margine, cioè 100 + 5 = 105. Questa sarà la nostra lavagna, che comprende il guadagno sulle giocate. Quali saranno le nuove quote? Ci basta calcolare quota x100/lavagna, nel caso della moneta: 2×100/105 = 1.9048 circa e quindi le nostre nuove quote saranno

  • 1.90 se esce testa;
  • 1.90 se esce croce.

La quota è tutto.

Abbiamo accennato alla probabilità all’inizio di questa pagina, ma come si applica ad eventi più complessi, come una partita di calcio? In sostanza la probabilità (in percentuale) che vinca la squadra di casa, è quante volte mi aspetto che vinca rigiocando la partita 100 volte. Per esempio si gioca la partita Real Madrid – Barcellona e la probabilità che vinca il Real Madrid è del 56%, significa che giocando virtualmente la partita 100 volte, il Real Madrid vincerà 56 volte su 100. Trovare tale probabilità non è affatto semplice e molto spesso è una stima soggettiva, una valutazione, in realtà nessuno ha la sfera di cristallo.

Trova la probabilità di un esito a partire dalle quote.

Nel caso del lancio della monetina e senza margine del bookmaker, trovare la probabilità è facile: mi basta fare 100/quota. Ma nel caso del margine, cioè quando la lavagna non è 100, come posso trovare le probabilità dei vari esiti? Intanto devo “pesare” il margine, cioè tenere conto del banco, quindi il primo passo è trovare la lavagna (cento più il margine). Prendiamo ad esempio le quote di Bologna – Spal:

  • 1, vince il Bologna: quota 1.80
  • X, pareggio: quota 3.30
  • 2, vince la Spal: quota 4.75

La lavagna si calcola facendo 100/quota per ciascuna quotazione e sommando i risultati di ciascuno dei tre possibili esiti:

100/1.80 + 100/3.30 + 100/4.75 = 55.56 + 30.30 + 21.05 = 106.91

Ciò significa che la lavagna del bookmaker ipotetico è pari a 106.91 e che di conseguenza applica un margine del 6.91%. Per calcolare le probabilità vere e proprie dei rispettivi esiti 1, X e 2 ci basta dividere per la lavagna i vari 100/quota. In soldoni:

  • 1, vince il Bologna: 100/quota = 55.56, probabilità 1 = 55.56/106.91 = 51.97 %
  • X, pareggio:         100/quota = 30.30, probabilità X =  30.30/106.91 = 28.34 %
  • 2, vince la Spal: 100/quota = 21.05, probabilità 2 =   21.05/106.91 = 19.69 %

Semplificando, il Bologna vincerà circa 52 volte su 100, le quadre pareggeranno 28 volte su 100 e la Spal vincerà circa 20 volte su 100, sempre secondo il nostro bookmaker. Infatti sono solo possibilità che vengono assegnate, potrebbe anche sbagliarsi, ma tanto lui ci guadagna lo stesso!